Un album di violenza

Quest’album di violenza, realizzato con i ritagli di un quotidiano raccolti durante tutto un anno, il 1975, è una proposta di rilettura della propria storia fatta alle donne da una donna: Stephanie Oursler. Dietro questa “collezione della morte” c’è la pratica di vita che ogni donna fa quando accumula nella memoria i fatti dolorosi che la riguardano. La proposta di Stephanie è di raccogliere e dare un senso ai dati che la logica borghese maschile polverizza e banalizza. “Una concentrazione del nostro passato/presente/futuro di donne ogni giorno buttate via e comprate di nuovo il mattino seguente” (Stephanie). Npn una sintesi quindi né un saggio sulla violenza subita dalle donne, quanto piuttosto la testimonianza del tragitto percorso da una donna attraverso la cronaca delle violenze subite da tutte le altre donne. Parr b& Badger III, p.63.Martin Parr, Gerry Badger “The Photobook. A History”, Volume III

Text: Oursler Stephanie. cm 23,5×33; pp. 78; BW ills.; paperback. Publisher: Edizioni delle donne, Roma, 1976.

ID: 19592

Product Description

Quest’album di violenza, realizzato con i ritagli di un quotidiano raccolti durante tutto un anno, il 1975, è una proposta di rilettura della propria storia fatta alle donne da una donna: Stephanie Oursler. Dietro questa “collezione della morte” c’è la pratica di vita che ogni donna fa quando accumula nella memoria i fatti dolorosi che la riguardano. La proposta di Stephanie è di raccogliere e dare un senso ai dati che la logica borghese maschile polverizza e banalizza. “Una concentrazione del nostro passato/presente/futuro di donne ogni giorno buttate via e comprate di nuovo il mattino seguente” (Stephanie). Npn una sintesi quindi né un saggio sulla violenza subita dalle donne, quanto piuttosto la testimonianza del tragitto percorso da una donna attraverso la cronaca delle violenze subite da tutte le altre donne. Parr b& Badger III, p.63.Martin Parr, Gerry Badger “The Photobook. A History”, Volume III

×