1966-1977. Compendium of Publications

“1966-1977. Compendium of Publications” è un’antologia di libri sezionati in un lasso temporale che raccoglie eventi rivoluzionari in pubblicazioni inedite e particolari. La traiettoria e la selezione in pagina unisce il libro d’artista raro al volume di nicchia, alla rivista politica, al catalogo d’arte, alla pubblicazione tecnica o ideologica a tiratura industriale. L’inizio (1966) è segnato con il numero 8 della rivista attivista olandese Provo e fa scaturire un percorso fotografico che esplora copertine, aperture e dettagli; intermezzi sono le didascalie che spiegano e focalizzano il periodo nelle sue sfaccettature. Si sfogliano infatti: il Vietnam, LSD, cultura Hippie e psichedelia, il ’68 francese, le scene alternative, l’utopia e la cibernetica, la conquista dello spazio, la primavera di Praga, Woodstock, musica e sex liberation, superarchitettura ed Archigram, Black Panther e la stampa libera ed attivista, lo spazio dell’immagine colta e quella popolare del rotocalco, l’arte e il concetto, il poverismo e la dematerializzazione dell’arte, editoria politica in tabloid e almanacchi, visione ed azioni dell’arte, il libro rosso di Mao, The Mark Spitz Complete Book of Swimming, l’avvento del VHS, il modernismo e la pratica critica, e, per chiudere, la ricerca della distruzione Punk (1977).

Text: Martegani Amedeo, Cendron Marco et al. cm 15×21; pp. 576; 1255 BW ills.; paperback. Publisher: A&Mbookstore Edizioni, Milano, 2018.

ISBN: 9788887071733 | 888707173X
Request info
ID: 21846

Product Description

“1966-1977. Compendium of Publications” è un’antologia di libri sezionati in un lasso temporale che raccoglie eventi rivoluzionari in pubblicazioni inedite e particolari. La traiettoria e la selezione in pagina unisce il libro d’artista raro al volume di nicchia, alla rivista politica, al catalogo d’arte, alla pubblicazione tecnica o ideologica a tiratura industriale. L’inizio (1966) è segnato con il numero 8 della rivista attivista olandese Provo e fa scaturire un percorso fotografico che esplora copertine, aperture e dettagli; intermezzi sono le didascalie che spiegano e focalizzano il periodo nelle sue sfaccettature. Si sfogliano infatti: il Vietnam, LSD, cultura Hippie e psichedelia, il ’68 francese, le scene alternative, l’utopia e la cibernetica, la conquista dello spazio, la primavera di Praga, Woodstock, musica e sex liberation, superarchitettura ed Archigram, Black Panther e la stampa libera ed attivista, lo spazio dell’immagine colta e quella popolare del rotocalco, l’arte e il concetto, il poverismo e la dematerializzazione dell’arte, editoria politica in tabloid e almanacchi, visione ed azioni dell’arte, il libro rosso di Mao, The Mark Spitz Complete Book of Swimming, l’avvento del VHS, il modernismo e la pratica critica, e, per chiudere, la ricerca della distruzione Punk (1977).