Del Terrorismo E Dello Stato. La Teoria E La Pratica Del Terrorismo per La Prima Volta DivulgateD

Gianfranco Sanguinetti, già membro dell’Internazionale Situazionista e nel 1975 autore (con lo pseudonimo Censor) di “Rapporto Veridico sulle ultime opportunità di salvare il capitalismo in Italia”, nel 1979 diede alle stampe Del Terrorismo e dello Stato; il pamphlet era solo un capitolo (il decimo – sui rapporti tra Stato e terrorismo – unitamente alla dedica e alla prefazione), di un’opera intitolata “Rimedio a Tutto”, i cui diritti vennero acquistati da Mondadori che però si rifiutava di pubblicarlo. Sanguinetti decise di “dissequestrare” il libro pubblicandolo in proprio. Dopo un anno ne veniva pubblicata una seconda edizione che si apriva con una nuova prefazione, già apparsa sull’edizione francese del libro (Le fin mot de l’Histoire, 1980). Del Terrorismo…considerava le Brigate Rosse niente più che “una delle molteplici appendici armate” dello stato, uno strumento spettacolare nelle mani dei servizi segreti. “…Coloro che oggi, o per disperazione, o perché vittime della propaganda che il regime fa al terrorismo come non plus ultra della sovversione, guardando con ammirazione acritica al terrorismo artificiale, provandosi perfino talvolta a praticarlo, questi non sanno di mettersi in concorrenza con lo stato sul suo stesso terreno; e non sanno che, sul suo proprio terreno, lo stato non solo è più forte, ma avrà sempre l’ultima parola”. Sommario: Prefazione all’edizione francese – Avvertimento dell’Autore – Indice di Rimedio a Tutto – Dedica ai cattivi operai d’Italia e di tutti i paesi – Prefazione – Del terrorismo e dello StatoD

cm 14,5×22,5; paperback. Publisher: Selfpublished, 1980.D

ISBN: D
Request info
ID: 21653D

Product Description

Gianfranco Sanguinetti, già membro dell’Internazionale Situazionista e nel 1975 autore (con lo pseudonimo Censor) di “Rapporto Veridico sulle ultime opportunità di salvare il capitalismo in Italia”, nel 1979 diede alle stampe Del Terrorismo e dello Stato; il pamphlet era solo un capitolo (il decimo – sui rapporti tra Stato e terrorismo – unitamente alla dedica e alla prefazione), di un’opera intitolata “Rimedio a Tutto”, i cui diritti vennero acquistati da Mondadori che però si rifiutava di pubblicarlo. Sanguinetti decise di “dissequestrare” il libro pubblicandolo in proprio. Dopo un anno ne veniva pubblicata una seconda edizione che si apriva con una nuova prefazione, già apparsa sull’edizione francese del libro (Le fin mot de l’Histoire, 1980). Del Terrorismo…considerava le Brigate Rosse niente più che “una delle molteplici appendici armate” dello stato, uno strumento spettacolare nelle mani dei servizi segreti. “…Coloro che oggi, o per disperazione, o perché vittime della propaganda che il regime fa al terrorismo come non plus ultra della sovversione, guardando con ammirazione acritica al terrorismo artificiale, provandosi perfino talvolta a praticarlo, questi non sanno di mettersi in concorrenza con lo stato sul suo stesso terreno; e non sanno che, sul suo proprio terreno, lo stato non solo è più forte, ma avrà sempre l’ultima parola”. Sommario: Prefazione all’edizione francese – Avvertimento dell’Autore – Indice di Rimedio a Tutto – Dedica ai cattivi operai d’Italia e di tutti i paesi – Prefazione – Del terrorismo e dello StatoD

×