A.B.O. Theatron. L’arte o la vita-Art or life

Alla fine degli anni Settanta Achille Bonito Oliva ha scardinato il sistema dell’arte concettuale d’avanguardia (che ha definito “puritano”) introducendo la Transavanguardia, il quarto movimento artistico italiano (dopo Futurismo, Metafisica e Arte povera) che nel XX secolo si è affermato internazionalmente. Ma è anche uno dei pochi ad aver saputo combinare una seria ricerca teorica ed espositiva con una presenza ironica e istrionica sui mezzi di comunicazione di massa, a partire dalla televisione, esprimendo un costante senso del proprio dovere al servizio della divulgazione pubblica. Attraverso la presentazione di una molteplicità di materiali d’archivio e una puntuale selezione di opere connesse ad alcune delle sue più importanti mostre dal 1970 al 2019 (incluse opere dalla collezione del Castello di Rivoli), “A.B.O. Theatron. L’arte o la vita” intende celebrare l’importanza di Bonito Oliva per l’affermazione del ruolo del curatore nell’ambito dell’arte contemporanea, delineando il composito ritratto di un intellettuale propositivo ed espressivo, che ha superato le limitazioni delle strutture accademiche e ridefinito campi e strumenti d’indagine della curatela, divenendo una delle figure cardine della storia dell’arte del XX e XXI secolo.

Text: Bonito Oliva Achille. cm 25×29; pp. 416; hardcover. Publisher: Skira, Milano, 2021.

ISBN: 9788857245874 | 885724587X
Request info
ID: 24001

Product Description

Alla fine degli anni Settanta Achille Bonito Oliva ha scardinato il sistema dell’arte concettuale d’avanguardia (che ha definito “puritano”) introducendo la Transavanguardia, il quarto movimento artistico italiano (dopo Futurismo, Metafisica e Arte povera) che nel XX secolo si è affermato internazionalmente. Ma è anche uno dei pochi ad aver saputo combinare una seria ricerca teorica ed espositiva con una presenza ironica e istrionica sui mezzi di comunicazione di massa, a partire dalla televisione, esprimendo un costante senso del proprio dovere al servizio della divulgazione pubblica. Attraverso la presentazione di una molteplicità di materiali d’archivio e una puntuale selezione di opere connesse ad alcune delle sue più importanti mostre dal 1970 al 2019 (incluse opere dalla collezione del Castello di Rivoli), “A.B.O. Theatron. L’arte o la vita” intende celebrare l’importanza di Bonito Oliva per l’affermazione del ruolo del curatore nell’ambito dell’arte contemporanea, delineando il composito ritratto di un intellettuale propositivo ed espressivo, che ha superato le limitazioni delle strutture accademiche e ridefinito campi e strumenti d’indagine della curatela, divenendo una delle figure cardine della storia dell’arte del XX e XXI secolo.

×