19978

And Now the Good News Opere della collezione Annette e Peter Nobel

La storia del rapporto tra l’arte e il “mondo delle notizie stampate” inizia con il Cubismo e con le avanguardie del primo Novecento, attraversa tutto il secolo e giunge fino a noi articolandosi in modi sempre nuovi. Su questo rapporto è incentrata la straordinaria collezione dei coniugi Annette e Peter Nobel, di cui questo catalogo presenta un’ampia e significativa selezione. Il saggio di Jean Baudrillard e gli altri saggi che accompagnano le 370 opere riprodotte non si limitano a ripercorre la storia di questo rapporto, ma ci aiutano a capire la rilevanza che esso assume nei nostri anni, in cui fotografie e notizie ci inseguono ovunque, veicolate non solo dalla stampa ma anche da smartphone, computer ecc., facendosi sempre più pervasive. Tra i numerosi artisti rappresentati: Jean Arp, John Baldessari, George Baselitz, Joseph Beuys, Alighiero e Boetti, Georges Braque, Henri Cartier-Bresson, Christo, Fortunato Depero, Walker Evans, Hans-Peter Feldmann, Urs Fischer, Gilbert & George, Nan Goldin, Richard Hamilton, John Heartfield, Thomas Hirschhorn, Dennis Hopper, Roni Horn, Alfredo Jaar, William Kentridge, Willem de Kooning, Joseph Kosuth, Jannis Kpunellis, Le Corbusier, Roy Lichtenstein, Joan Mirò, Gianni Motti, Sigmar Polke, Richard Prince, Man Ray, Gerhard Richter, Dieter Roth, Edward Ruscha, Kurt Schwitters, Cindy Sherman, David Shrigley, Roman Signer, Antoni Tàpies, Zhou Tiehai, Wolfgan Tillmans.

Text: Baudrillard Jean, Schenini Elio et al. pp. 548; COL; hardcover. Publisher: Casagrande, Bellinzona, 2016.

ISBN: 9788877137357 | 8877137355

 58,00

Product Description

La storia del rapporto tra l’arte e il “mondo delle notizie stampate” inizia con il Cubismo e con le avanguardie del primo Novecento, attraversa tutto il secolo e giunge fino a noi articolandosi in modi sempre nuovi. Su questo rapporto è incentrata la straordinaria collezione dei coniugi Annette e Peter Nobel, di cui questo catalogo presenta un’ampia e significativa selezione. Il saggio di Jean Baudrillard e gli altri saggi che accompagnano le 370 opere riprodotte non si limitano a ripercorre la storia di questo rapporto, ma ci aiutano a capire la rilevanza che esso assume nei nostri anni, in cui fotografie e notizie ci inseguono ovunque, veicolate non solo dalla stampa ma anche da smartphone, computer ecc., facendosi sempre più pervasive. Tra i numerosi artisti rappresentati: Jean Arp, John Baldessari, George Baselitz, Joseph Beuys, Alighiero e Boetti, Georges Braque, Henri Cartier-Bresson, Christo, Fortunato Depero, Walker Evans, Hans-Peter Feldmann, Urs Fischer, Gilbert & George, Nan Goldin, Richard Hamilton, John Heartfield, Thomas Hirschhorn, Dennis Hopper, Roni Horn, Alfredo Jaar, William Kentridge, Willem de Kooning, Joseph Kosuth, Jannis Kpunellis, Le Corbusier, Roy Lichtenstein, Joan Mirò, Gianni Motti, Sigmar Polke, Richard Prince, Man Ray, Gerhard Richter, Dieter Roth, Edward Ruscha, Kurt Schwitters, Cindy Sherman, David Shrigley, Roman Signer, Antoni Tàpies, Zhou Tiehai, Wolfgan Tillmans.