19126

Arte ri-programmata. Un manifesto aperto. Re-programmed art. An open manifesto

Arte ri-programmata: un manifesto aperto è un progetto di ricerca-azione sul tema dell’introduzione in ambito artistico dei metodi e degli approcci di hardware e software open source e dell’open design, che si pone come obiettivo lo sviluppo di artefatti fisici e tecnologici le cui informazioni e specifiche d’implementazione sono rilasciate pubblicamente con licenze libere. Il progetto ha conivolto un gruppo di artisti digitali e designer nel processo di ri-programmazione di alcune opere del Gruppo T, che rappresenta un punto di riferimento di quella sperimentazione artistica italiana definita Arte Programmata. Tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni sessanta, sono stati realizzati – in nome di un’arte riproducibile, partecipata e interattiva – prototipi basati sull’uso della tecnologia e di algoritmi, poi riprodotti come serie di artefatti in costante variazione. “Ri-programmare” significa non solo ricostruire, capire di cosa e come le opere sono fatte, quali materiali sono stati utilizzati, quali algoritmi o stratagemmi impiegati per inserire il caso nel loro programma, ma anche qualcosa in più: farle rinascere aggiornandole da un punto di vista materiale e tecnologico. La scelta di partire da opere del Gruppo T trasformandole in artefatti nuovi e aperti, supportandone la riproducibilità, l’estensione e il completamento da parte di altre persone, rende omaggio a un’esperienza innovativa e fuori da ogni schema, collocata nel difficile territorio di confine tra arte e design.

Text: Cangiano S., Seratoni Azalea et al. pp. 190; paperback. Publisher: Johan & Levi, Monza, 2015.

ISBN: 9788860101600| 8860101603

 20,00

ID: 19126

Product Description

Arte ri-programmata: un manifesto aperto è un progetto di ricerca-azione sul tema dell’introduzione in ambito artistico dei metodi e degli approcci di hardware e software open source e dell’open design, che si pone come obiettivo lo sviluppo di artefatti fisici e tecnologici le cui informazioni e specifiche d’implementazione sono rilasciate pubblicamente con licenze libere. Il progetto ha conivolto un gruppo di artisti digitali e designer nel processo di ri-programmazione di alcune opere del Gruppo T, che rappresenta un punto di riferimento di quella sperimentazione artistica italiana definita Arte Programmata. Tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni sessanta, sono stati realizzati – in nome di un’arte riproducibile, partecipata e interattiva – prototipi basati sull’uso della tecnologia e di algoritmi, poi riprodotti come serie di artefatti in costante variazione. “Ri-programmare” significa non solo ricostruire, capire di cosa e come le opere sono fatte, quali materiali sono stati utilizzati, quali algoritmi o stratagemmi impiegati per inserire il caso nel loro programma, ma anche qualcosa in più: farle rinascere aggiornandole da un punto di vista materiale e tecnologico. La scelta di partire da opere del Gruppo T trasformandole in artefatti nuovi e aperti, supportandone la riproducibilità, l’estensione e il completamento da parte di altre persone, rende omaggio a un’esperienza innovativa e fuori da ogni schema, collocata nel difficile territorio di confine tra arte e design.