Guido Keller. Ala – pensiero – azione

Keller presto si impose come leader dei rivoluzionari convenuti nella città adriatica. Già asso della aviazione, mise al servizio del  umanesimo anche le sue idee radicali. Liberta- Rio, critico del capitalismo, fautore di un nazionalismo del tutto diverso da quello degli anni Trenta, Keller appare come uno dei grandi capitani di ventura rinascimentali che tanto ammirava. Questo libro raccoglie per la prima volta tutti gli scritti di Keller, con numerosi inediti. Dagli articoli pubblicati su “la testa di ferro” a quelli su “yoga”, pas- sando per un commento alla carta del carnaro e a opere d’impronta futuristica  rmate dopo il Natale di sangue che nel 1920 pose  ne alla Magni ca avventura  umana. “Rivoluzionari non contro un partito o per un partito ma rivoluzionari contro quello che siamo. Rivoluzionari contro noi stessi onde si abbia a perdere le nostre false arroganze, le nostre vili menzogne le nostre tardive e appassite bellezze”.

Text: Gnocchi Alessandro. pp. 200; paperback. Publisher: Giubilei Regnani, 2019.

ISBN: 9788898620685 | 8898620683
Request info
ID: 23704

Product Description

Keller presto si impose come leader dei rivoluzionari convenuti nella città adriatica. Già asso della aviazione, mise al servizio del  umanesimo anche le sue idee radicali. Liberta- Rio, critico del capitalismo, fautore di un nazionalismo del tutto diverso da quello degli anni Trenta, Keller appare come uno dei grandi capitani di ventura rinascimentali che tanto ammirava. Questo libro raccoglie per la prima volta tutti gli scritti di Keller, con numerosi inediti. Dagli articoli pubblicati su “la testa di ferro” a quelli su “yoga”, pas- sando per un commento alla carta del carnaro e a opere d’impronta futuristica  rmate dopo il Natale di sangue che nel 1920 pose  ne alla Magni ca avventura  umana. “Rivoluzionari non contro un partito o per un partito ma rivoluzionari contro quello che siamo. Rivoluzionari contro noi stessi onde si abbia a perdere le nostre false arroganze, le nostre vili menzogne le nostre tardive e appassite bellezze”.

×