La parola agli artisti. Arte e impegno a Milano negli anni settanta

“Non v’è dubbio che gli anni Settanta siano iniziati in anticipo sui tempi, all’indomani della contestazione sessantottina. Al decennio precedente quegli anni Sessanta definiti ‘ruggenti’ e ‘favolosi’ , quelli cioè del boom economico e dell’utopia artistica – sono seguiti gli anni di piombo, del dissenso e dell’impegno etico, politico, sociale. Ma stiamo parlando di un ventennio cruciale anche per ciò che concerne il rinnovamento dell’arte e del gusto. Milano, che è l’epicentro di un discorso pigmentato da idee e ideali che corrispondevano a un’identità collettiva e a una lotta di classe. Nella città meneghina gli artisti si trovarono ad affrontare problemi di coscienza e di responsabilità, costretti a riconsiderare i propri mezzi espressivi oltre che il proprio ruolo all’interno della società, consci del fatto che il valore sovversivo dell’arte dovesse essere sdoganato sul piano sociale”. (Alberto Zanchetta)

Text: Casero Cristina, Di Raddo Elena. pp. 98; paperback. Publisher: Postmedia Books, Milano, 2016.

ISBN: 9788874901739 | 8874901739
Request info
ID: 22654

Product Description

“Non v’è dubbio che gli anni Settanta siano iniziati in anticipo sui tempi, all’indomani della contestazione sessantottina. Al decennio precedente quegli anni Sessanta definiti ‘ruggenti’ e ‘favolosi’ , quelli cioè del boom economico e dell’utopia artistica – sono seguiti gli anni di piombo, del dissenso e dell’impegno etico, politico, sociale. Ma stiamo parlando di un ventennio cruciale anche per ciò che concerne il rinnovamento dell’arte e del gusto. Milano, che è l’epicentro di un discorso pigmentato da idee e ideali che corrispondevano a un’identità collettiva e a una lotta di classe. Nella città meneghina gli artisti si trovarono ad affrontare problemi di coscienza e di responsabilità, costretti a riconsiderare i propri mezzi espressivi oltre che il proprio ruolo all’interno della società, consci del fatto che il valore sovversivo dell’arte dovesse essere sdoganato sul piano sociale”. (Alberto Zanchetta)

×