21267

Mario Dellavedova. Vampiri al contrario

II volume Ë la testimonianza della mostra che sar‡ allestita negli spazi della GAM, Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino dal 25 ottobre 2008 al 6 gennaio 2009. L’esposizione documenta il costante affiorare della matrice fotografica nella storia delle immagini in movimento. Negli anni ’60 e ’70, segnati dalle ricerche del cinema strutturalista e del video concettuale, l’immagine fissa dello scatto fotografico si delinea come traguardo ultimo dell’analisi temporale. Negli anni a seguire, la fotografia ha rappresentato per il cinema e il video d’artista un archivio universale di tempo storico. Tra i suoi “scaffali” si compie ogni possibile viaggio nel passato e nel futuro. CosÏ a partire dagli anni ’80, il tempo fisso della fotografia Ë un tempo rallentato, che tende indefinitamente alla stasi, incominciano a liberare nelle immagini in movimento la diafana sostanza di cui Ë fatta la memoria. Annotation Supplied by Informazioni Editoriali

Text: Dellavedova Mario. cm 20,5×24,5; pp. 96; COL; hardcover. Publisher: A&Mbookstore Edizioni, Milano, 2017.

ISBN: 9788887071702 | 8887071705

 30,00

ID: 21267

Product Description

II volume Ë la testimonianza della mostra che sar‡ allestita negli spazi della GAM, Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino dal 25 ottobre 2008 al 6 gennaio 2009. L’esposizione documenta il costante affiorare della matrice fotografica nella storia delle immagini in movimento. Negli anni ’60 e ’70, segnati dalle ricerche del cinema strutturalista e del video concettuale, l’immagine fissa dello scatto fotografico si delinea come traguardo ultimo dell’analisi temporale. Negli anni a seguire, la fotografia ha rappresentato per il cinema e il video d’artista un archivio universale di tempo storico. Tra i suoi “scaffali” si compie ogni possibile viaggio nel passato e nel futuro. CosÏ a partire dagli anni ’80, il tempo fisso della fotografia Ë un tempo rallentato, che tende indefinitamente alla stasi, incominciano a liberare nelle immagini in movimento la diafana sostanza di cui Ë fatta la memoria. Annotation Supplied by Informazioni Editoriali