Stefano Arienti

Piegare, tagliare, bucare, stropicciare, ricalcare, con carta, cartone, stoffa, pongo: semplici operazioni manuali con altrettanto semplici materiali sono alla base dell’universo estetico di Stefano Arienti, il poeta degli origami. Tra le sue mani oggetti e materiali decontestualizzati cambiano forma e significato e assumono nuove identità: i fogli di carta diventano barchette, gli orari ferroviari s’intrecciano in un ventaglio, i giornali si riciclano come proiettili o si attorcigliano a formare corde.

Text: Pignatti Morano Camilla. cm 17×21; pp. 108; paperback. Publisher: Electa, Milano, 2007.

ISBN: 9788837049799 | 883704979X
Request info
ID: 23705

Product Description

Piegare, tagliare, bucare, stropicciare, ricalcare, con carta, cartone, stoffa, pongo: semplici operazioni manuali con altrettanto semplici materiali sono alla base dell’universo estetico di Stefano Arienti, il poeta degli origami. Tra le sue mani oggetti e materiali decontestualizzati cambiano forma e significato e assumono nuove identità: i fogli di carta diventano barchette, gli orari ferroviari s’intrecciano in un ventaglio, i giornali si riciclano come proiettili o si attorcigliano a formare corde.

×