Una nuova superficie. Jasper Johns e gli artisti italiani 1958-1966

Una delle voci più autorevoli e brillanti della critica d’arte contemporanea ci racconta, in questo nuovo volume della collana Pesci Rossi, l’impatto che la lezione del grande artista americano Jasper Johns ha avuto sull’arte italiana a cavallo degli anni Sessanta e Settanta e l’arco delle reazioni degli artisti italiani di fronte al modello di Johns intorno a un tema preciso: il nuovo significato che, grazie alla sua lezione, viene ad avere nel quadro la superficie pittorica. Tra 1960 e 1970 è avvenuto in Italia un processo di mitizzazione di Johns che ha avuto il suo culmine a metà decennio. “In Italia i conti con Johns si fanno soprattutto quando la messa in crisi dei linguaggi tradizionali travolge la ragion d’essere stessa della pittura. La frattura di Johns vale quella di Duchamp, per gli artisti più consapevoli degli anni Sessanta: perché, come Duchamp, l’artista americano ha concettualizzato le pratiche, ha messo il dito sulla piaga delle convenzioni della rappresentazione. Ma chi, qualche anno prima, stava ancora accettando la sfida della pittura si è confrontato con i quadri di Jasper Johns secondo modalità differenti e per certi versi più interessanti, perché toccano una questione decisiva di quel momento: se, cioè, ci si dovesse arrendere alla morte della pittura; e, se no, attivando quali anticorpi”. (Flavio Fergonzi)

Text: Fergonzi Flavio. cm 15×23; pp. 208; paperback. Publisher: Electa, Milano, 2019.

ISBN: 9788891824189 | 8891824186
Request info
ID: 23715

Product Description

Una delle voci più autorevoli e brillanti della critica d’arte contemporanea ci racconta, in questo nuovo volume della collana Pesci Rossi, l’impatto che la lezione del grande artista americano Jasper Johns ha avuto sull’arte italiana a cavallo degli anni Sessanta e Settanta e l’arco delle reazioni degli artisti italiani di fronte al modello di Johns intorno a un tema preciso: il nuovo significato che, grazie alla sua lezione, viene ad avere nel quadro la superficie pittorica. Tra 1960 e 1970 è avvenuto in Italia un processo di mitizzazione di Johns che ha avuto il suo culmine a metà decennio. “In Italia i conti con Johns si fanno soprattutto quando la messa in crisi dei linguaggi tradizionali travolge la ragion d’essere stessa della pittura. La frattura di Johns vale quella di Duchamp, per gli artisti più consapevoli degli anni Sessanta: perché, come Duchamp, l’artista americano ha concettualizzato le pratiche, ha messo il dito sulla piaga delle convenzioni della rappresentazione. Ma chi, qualche anno prima, stava ancora accettando la sfida della pittura si è confrontato con i quadri di Jasper Johns secondo modalità differenti e per certi versi più interessanti, perché toccano una questione decisiva di quel momento: se, cioè, ci si dovesse arrendere alla morte della pittura; e, se no, attivando quali anticorpi”. (Flavio Fergonzi)

×